Luna clara, esta melodia es nacida en la judería

la lunaLuna clara, esta melodia es nacida en la judería,
Cuándo tus rayos de plata brillavan sobre el mundo
Y mil voces cantaban

(da Luna Sefaradí)

Nell’avvicinarsi del giorno della Memoria dell’Olocausto, che ogni anno ci vede presenti con la nostra testimonianza musicale come Ensemble Shalom, vorrei condividere con i frequentatori del Blog il ricordo del mio primo incontro con la musica ebraica.

Mi capitò, anni fa, di recarmi a Verona per visitare la mostra pittorica Luis Marsiglia, Elogio della Farfalladi un caro amico, Luis Marsiglia, sulla Shoà. Dopo aver ammirato le meravigliose opere di Luis, udii una voce intensa e robusta cantare senza musica all’interno dello spazio espositivo.

Le melodie sembravano provenire da molto lontano nel tempo, quasi arcaiche. Ma avevo anche la sensazione che narrassero, a me che non conoscevo la lingua ebraica, di cose perdute e profondi sentimenti.

La voce, come avrei presto scoperto, apparteneva ad Angel Harkatz Kaufman, ebreo di famiglia askenazita nato a Buenos Aires, chazzan tenore nella Sinagoga di Verona. Quando il “concerto” arrivò alla sua conclusione, mi avvicinai per congratularmi e sentii che Harkatz stava cercando un pianista che suonasse con lui ad un prossimo concerto.

Senza pensarci due volte mi accostai a lui e gli dissi, saltando ogni formalità, che io suonavo la chitarra.
Lui – comprensibilmente sorpreso – mi chiese se ero bravo nel farlo.

Ci accordammo per una prova. Fu una felice scoperta.Musica ebraica
Da subito ho avvertito quelle dolcissime melodie vicine al mio sentire di figlio d’emigranti.

Poco tempo dopo si aggiunsero violino, fisarmonica e contrabbasso. E così è nato l’Ensemble Shalom, con il quale oggi suoniamo in rassegne di musica sacra in diverse località dell’Italia e che ha al suo attivo due cd di musica popolare e sacra distribuiti a livello nazionale.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *